Nuova Panda Cross al Salone di Ginevra 2014

On 19 febbraio 2014, in News, by Matteo

Al Salone di Ginevra 2014 debutta la nuovissima Fiat Panda Cross. Destinata ad un pubblico giovane e dinamico, la Fiat Panda Cross è la versione top di gamma che, insieme ai modelli Panda 4×4 e Panda Trekking, compone un’offerta di city SUV unica nel proprio segmento. Approfondiamo nel dettaglio tutti i particolari dell’allestimento più grintoso della gamma Panda.

Stile e dimensioni

Fiat Panda Cross 2014

Il frontale della nuova Fiat Panda Cross 2014

Il frontale, grazie al nuovo paraurti, presenta un generoso skid plate in colore titanio satinato mentre  i gruppi ottici sono caratterizzati dai proiettori ed i nuovi fendinebbia integrati nella zona del baffo portalogo. Le luci diurne DRL, inoltre, adottano la tecnologia LED e sono integrate nello skid plate.

Nella vista laterale si evidenziano alcuni elementi specifici come i passaruota marcati, le modanature con badge “Cross” e le nuove barre portatutto che riprendono entrambe le finiture dello skid plate. I cerchi in lega da 15” presentano un disegno a 5 razze a V ed una finitura in metallo brunito.

Il posteriore si caratterizza per un nuovo paraurti con protezione sotto-scocca che riprende design e finiture dello skid plate anteriore, un nuovo gruppo ottico brunito ed il terminale di scarico cromato.

All’interno i sedili sono in tessuto naturale fiammato dal look tecnico con i fianchetti di contenimento laterali in ecopelle marrone che si abbinano al rivestimento presente sui pannelli porta. Il sedile di guida si caratterizza per la scritta Cross brunita sullo schienale ottenuta mediante un riporto poliuretanico.

La fascia della plancia è in un nuovo colore rame all’interno della quale spicca la nuova finitura titanio satinato della plancia portastrumenti. Lo stessa finitura è utilizzata per il mobiletto centrale, a due livelli, sul quale è montato l’inedito selettore Terrain Control.

Trazione integrale e Terrain Control

Fiat Panda Cross 2014 posteriore

Il caratteristico posteriore

La nuova Panda Cross adotta un sistema di trasmissione di tipo “Torque on demand“, che si avvale di due differenziali e di un giunto controllato elettronicamente.

Si tratta di una trazione integrale permanente gestita da una centralina elettronica che, attraverso l’analisi dei segnali veicolo, ripartisce la trazione sui due assali anteriore e posteriore in modo omogeneo e proporzionale secondo le condizioni di aderenza del fondo stradale. I vantaggi che offre questo sistema sono l’assoluto automatismo del funzionamento e l’assenza di manutenzione.

Selettore dedicato per gli amanti della guida in fuoristrada Terrain Control

Come nei SUV di alta gamma ed in tutti modelli dalla spiccata vocazione off-road, anche Panda Cross offre la possibilità agli amanti della guida in fuoristrada di poter selezionare l’utilizzo della trazione integrale a seconda delle condizioni di guida, scegliendo fra tre modalità:

  • AUTO - Ripartizione automatica della trazione sui due assali a seconda delle condizioni di aderenza del manto stradale;
  • LOCK - La trazione integrale rimane sempre inserita per l’utilizzo ottimale in fuoristrada con una ripartizione della coppia tra le quattro ruote, ottenuta frenando le ruote che perdono aderenza (o slittano più delle altre) e trasferendo così la forza motrice su quelle che hanno maggior presa sul terreno. Questa funzione agisce sotto la soglia dei 50 km/h;
  • HILL DESCENT – Per una gestione ottimale delle discese su pendenze particolarmente ripide o su percorsi con elevate sconnessioni.

Sospensioni

Panda Cross adotta due schemi collaudati: una soluzione a ruote indipendenti di tipo Mc Pherson per l’anteriore mentre al posteriore si è preferito un sistema a ruote interconnesse tramite ponte torcente specificamente sviluppato per la versione integrale.

Angoli caratteristici

Panda Cross si trova a proprio agio su terreni sconnessi e difficili, grazie alla generosa altezza da terra, 16 cm per la versione Multijet II e 15 cm per la versione Twinair Turbo, e agli ottimi valori degli “angoli caratteristici fuoristrada”: 24° (attacco), 33° (uscita), 20° (dosso) e 31,5° (70%) di pendenza massima.

Motorizzazioni

Fiat Panda Cross è disponibile con due motorizzazioni, entrambe dotate di Start&Stop: il nuovo 0.9 TwinAir Turbo da 90CV e il diesel 1.3 Multijet II da 80CV.

Motore Fiat Twinair

Uno spaccato del 0.9 Twinair

Il propulsore 0.9 TwinAir Turbo eroga una potenza massima di 90 CV (66 kW) a 5.500 giri/min e una coppia di 145 Nm a 1.900 giri/min (costante fino a 3.000 giri/min). Inoltre, qualora si preferisca privilegiare l’aspetto ecologico ed i minimi consumi, è possibile premere il tasto ECO presente sulla plancia per limitare la coppia a 100 Nm a 2.000 g/min. Questo propulsore fa registrare, nel ciclo combinato, un consumo di 4,9 litri/100 km ed emissioni di CO2  pari a 114 g/Km.

Il turbodiesel 1.3 Multijet II invece eroga una potenza massima di 80 CV (59 kW) a 4.000 giri/min ed una coppia di ben 190 Nm a soli 1.500 giri/min. Nel ciclo combinato il 1.3 Multijet II fa registrare appena 125 g/km di emissioni di CO2 e consumi pari a 4,7 litri per 100 km.

Cambio a 6 marce specifico

In abbinamento al motore TwinAir Turbo, la nuova Panda Cross propone un cambio specifico a 6 rapporti con prima marcia corta che accentua le doti off-road del modello garantendo un eccellente spunto nelle partenze in salita.

La nuova Panda Cross sarà commercializzata a partire dal prossimo autunno nei  principali mercati europei e per l’occasione sarà proposta con una livrea tristrato arancione di grande impatto.

http://www.campellomotors.it
http://www.km0.tv

Si aprono gli ordini della Panda TwinAir Turbo Natural Power, la prima utilitaria al mondo ad adottare un motore bicilindrico turbo alimentato a metano. Il nuovo propulsore, in grado di erogare 80 CV, vanta consumi contenuti, 3,1 kg/100 km nel ciclo combinato, e ridotte emissioni di CO2, solo 86 g/km.

Disponibile negli allestimenti Pop, Easy e Lounge, con prezzi di listino rispettivamente di 13.950 euro, 14.700 euro e 15.950 euro, la Fiat Panda Natural Power si conferma una soluzione intelligente soprattutto in un periodo in cui il prezzo di benzina e gasolio aumenta costantemente.

I punti di forza del nuovo propulsore

Nuova Panda Twinair Natural Power

Nuova Panda Twinair Natural Power

La Fiat Panda è la prima vettura al mondo ad essere equipaggiata con un piccolo motore bicilindrico turbocompresso, alimentato a metano/benzina, che concilia un’elevata potenza specifica alla riduzione dei consumi ed al divertimento di guida.

Sulla nuova Panda Natural Power, rispetto alla generazione precedente, grazie alle carreggiate allargate ed alla sospensione posteriore a ponte torcente con maggiore rigidezza a rollio, il comportamento stradale in termini di handling e comfort è nettamente migliorato, rendendo la vettura ancora più sicura e piacevole da guidare.

Eccellente anche l’autonomia che, a fronte di un miglioramento delle prestazioni del 30%, è aumentata di circa il 10% se confrontata con la Panda Classic 1.4 Natural Power. Inoltre, rispetto alla versione benzina della nuova Panda, il serbatoio è pressoché invariato, vantando una capienza di ben 35 litri.

Inoltre, considerando la capacità di carico delle bombole di metano pari a circa 12 Kg, un pieno di gas naturale costa appena 11,7 euro (prezzo medio ad agosto 0,979 €/kg). Senza contare che la disposizione sotto il pianale dei due serbatoi di metano consente di mantenere pressoché invariata la volumetria utile del bagagliaio (200 litri).

Non solo. Grazie al risparmio sul carburante è possibile in tempo breve azzerare la differenza di prezzo tra la versione Natural Power e quella a benzina 1.2 69 CV: infatti, ipotizzando una percorrenza annua media di 12.000 Km su ciclo urbano, si risparmiano circa 1.150 €/anno e quindi in poco più di 3 anni ci si ripaga l’investimento iniziale.

Descrizione tecnica

La nuova Panda Natural Power, come tutte le vetture Fiat a metano o GPL, è di primo impianto (OEM), quindi prodotta in fabbrica e garantita dal brand stesso.

Uno spaccato del bicilindrico Twinair

Uno spaccato del bicilindrico Twinair

In particolare, rispetto alla versione benzina, il TwinAir bi-fuel dispone di elementi specifici per il sistema di alimentazione tra cui il collettore di aspirazione, gli iniettori, il sistema elettronico di controllo del motore e le sedi valvole con geometria specifica e realizzate in materiale a bassa usura. La perfetta integrazione di tutti i componenti con il sistema MultiAir ed il turbocompressore, oltre a garantire la massima affidabilità, non altera in alcun modo le prestazioni e la guidabilità della vettura quando funziona a metano.

Infine, gli impianti di alimentazione a metano e benzina sono fra loro indipendenti: di norma la vettura funziona a metano e solo l’avviamento si effettua sempre a benzina, passando subito dopo e automaticamente all’altro sistema. L’intervento a benzina è richiesto solo quando il gas nelle bombole è prossimo all’esaurimento e, comunque, è sempre possibile passare da metano a benzina e viceversa volontariamente, premendo un pulsante posto sulla plancia.

Se stavi aspettando la Panda Natural Power ma ti sembra che il prezzo sia troppo alto, potresti dare un’occhiata alle nostre scontatissime KM Zero 1.2 benzina su cui con poco è possibile installare l’impianto GPL! :)

Tagged with:  

Nuova Panda 4×4: debutto al Salone di Parigi

On 4 settembre 2012, in News, by Matteo

La nuova Fiat Panda 4×4 debutterà in anteprima mondiale al prossimo Salone internazionale di Parigi ed è l’unico modello a trazione integrale del segmento A.

Nuova Panda 4x4 color Verde Toscana

E’ una vettura capace di coniugare le consolidate capacità off-road ad un design rifinito ed un’architettura efficiente e compatta.

Oltre ad una dotazione di serie completa, dal punto di vista tecnico la nuova Panda 4×4 migliora ancora una volta se stessa e si conferma una degna concorrente di  vetture off-road dalle dimensioni (e dal prezzo) ben più importanti.

Estetica e dimensioni

Il modello misura 368 centimetri di lunghezza, 160 di altezza e 167 di larghezza. Il passo è di 230 cm mentre le carreggiate sono di 141 centimetri per l’anteriore e di 140 per il posteriore.

L’estetica è fortemente caratterizzata dalle marcate linee geometriche dei paraurti anteriori e posteriori, completi di riporti estetici color alluminio a sottolineare la presenza della protezione metallica sotto-scocca.

A differenza della generazione precedente, sulla nuova Panda 4×4 i codolini seguono la linea della carrozzeria senza soluzione di continuità, assicurando una protezione completa della parte bassa della vettura. La palette colori della versione 4×4 è arricchita da due nuove tonalità: l’arancio Sicilia (pastello) e il verde Toscana (metallizzato).

Nuova Panda 4x4: Panoramica degli interni

Gli interni riprendono le soluzioni adottate sulle versioni 4×2 con alcune importanti eccezioni: sedili in tessuto dal design specifico in tre varianti-colore (verde, beige, arancio) arricchiti da dettagli in eco-pelle; una nuova variante verde per la fascia che incornicia strumentazione e tascone porta-oggetti; pannelli porta anteriori e posteriori con inserti sempre in eco-pelle; il mobiletto alto nel tunnel centrale, infine, aggiunge un ulteriore vano porta-oggetti ai 14 già presenti sulle versioni 4×2.

Motorizzazioni

Fiat Panda 4×4 è disponibile con il diesel 1.3 Multijet II da 75 CV e con il nuovo 0.9 Twinair Turbo da 85 CV che, grazie al cambio specifico a 6 marce e all’incremento del 40% della coppia rispetto alla versione 1.2 Fire, garantisce un netto miglioramento delle capacità di partenza in salita, della qualità dello spunto, dell’elasticità e della ripresa.

Trazione integrale “Torque on demand” e funzione ELD

Panda 4×4 è dotata di una trazione integrale permanente gestita da una centralina elettronica che ripartisce la trazione sui due assali anteriore e posteriore in modo omogeneo e proporzionale secondo le condizioni di aderenza del fondo stradale. I vantaggi che offre questo sistema sono l’assoluto automatismo del funzionamento e l’assenza di manutenzione.

Panda 4×4 è equipaggiata di serie con il sistema ESC (Electronic Stability Control) completo di funzione ELD, che agisce frenando le ruote che perdono aderenza (o slittano più delle altre), trasferendo così la forza motrice su quelle che hanno maggior presa sul terreno.

Sospensioni

Particolari in alluminio e cerchi in lega bruniti da 15"

Per Panda 4×4 sono stati scelti due schemi collaudati: una soluzione a ruote indipendenti di tipo Mc Pherson per l’anteriore mentre al posteriore si è preferito un sistema a ruote interconnesse tramite ponte torcente specificamente sviluppato per la versione integrale.

Rispetto alla soluzione a bracci tirati della generazione precedente, quest’ultimo schema garantisce maggiore leggerezza, comfort di marcia ed acustica a parità di prestazioni off-road.

Dotazioni

La dotazione di serie è ricca e completa: sistema ESC con ELD, climatizzatore manuale, radio CD/MP3, cerchi in lega bruniti da 15″, pneumatici 175/65 R15 M+S, retrovisori elettrici, chiusura centralizzata con telecomando a distanza e poggiatesta posteriori. Chi volesse arricchirla ulteriormente può scegliere tra un ampio menu di optional e accessori, a seconda che l’utilizzo sia prevalentemente cittadino oppure off-road.

Tagged with: