Fiat 500 TwinAir: piccolo è bello e rivoluzionario

On 24 settembre 2010, in News, by Campello

————————————————————————————————————————–—-
VI ASPETTIAMO TUTTI presso la nostra sede di Mestre Sabato 25 e Domenica 26 settembre, in occasione dell’evento PORTE  APERTE, per il TEST DRIVE della vettura!
————————————————————————————————————————–——

Fiat 500 torna con un nuovo e rivoluzionario  “upgrade”:  la storica creatura  nata dalla mente di Dante Giacosa , che alla fine degli anni 50 ha avuto il merito di trasformare la gran parte degli italiani in automobilisti, ora è più potente ed ecologica!

Si chiama Fiat 500 TwinAir e con la sua antenata precedente condivide l’impostazione  “bicilindrico in linea”  ma le similitudini finiscono qui. Il nuovo motore, raffreddato a liquido, è ora in lega leggera con 4 valvole per cilindro e dotato del sistema multiair:  una tecnologia versatile, facilmente applicabile a tutti i motori a benzina, con un futuro potenziale sviluppo anche ai motori Diesel. La tecnologia multiair consente infatti di controllare l’aria nei motori ad accensione comandata senza dover utilizzare la tradizionale farfalla e con un elevato grado di flessibilità rispetto ai sistemi di distribuzione meccanici.

Grazie alla sovralimentazione con turbo compressore ed alla presenza  di un contralbero di equilibratura una volta a bordo è veramente difficile distinguerlo dal classico 4 cilindri, non solo per la potenza (100 cavalli per litro) ma soprattuttto per le doti di coppia.

Il vero tratto distintivo della Fiat 500 TwinAir è costituito dall’impiego del processo di downsizing. Questo consiste nell’abbinamento di un motore di cilindrata ridotta con un turbocompressore di nuova generazione al fine di ottenere prestazioni migliori ma con consumi ed emissioni inferiori. Si parla di un calo del 30% di CO2 rispetto ad un motore di pari prestazioni.

Fiat 500 TwinAir : possiamo così riassumere le principali caratteristiche:

  • aumento della potenza massima del 10% rispetto ad un motore tradizionale di pari cilindrata;
  • miglioramento della coppia a basso regime e nei transitori del 15% mediante strategie di chiusura anticipata della valvola di aspirazione, che massimizza l’aria immessa nei cilindri;
  • riduzione dei consumi, e quindi di emissione di CO2, pari al 10% grazie all’eliminazione delle perdite di pompaggio e alla precisa calibrazione dei parametri che ottimizzano la combustione;
  • riduzione delle emissioni inquinanti del motore grazie all’ottimizzazione delle strategie di controllo delle valvole in fase di aspirazione del motore;
  • maggiore prontezza ai comandi dell’acceleratore, grazie alla pressione costante dell’aria a monte dei cilindri, abbinata al controllo estremamente rapido della valvole di aspirazione

La redazione

PER ULTERIORI APPROFONDIMENTI: fptmultiair.com | campellomotors.it

…ed ancora: autoblog.it | virtualcar.it | newstreet.it | motorionline.com

P.S.: Pubblichaimo la video intervista di Omniauto ad Alfredo Altavilla Amministratore Delegato di Fiat Powertrain Technologies che così spiega le peculiatità della Fiat 500 TwinAir :

————————————————————————————————————————–—-
Ultima ma importante informazione: VI ASPETTIAMO TUTTI presso la nostra sede di Mestre Sabato 25 e Domenica 26 settembre, in occasione dell’evento PORTE  APERTE, per il TEST DRIVE della vettura!
————————————————————————————————————————–——

3 Responses to Fiat 500 TwinAir: piccolo è bello e rivoluzionario

  1. MARCO scrive:

    già un motore nuovo?
    ma non è forse simile a quello della 500 vecchia?

  2. admin scrive:

    @MARCO … eh, è il sistema multiair il vero delta! :-)

  3. Daniele scrive:

    Bello… veramente da provare! Sotto un certo punto di vista ricorda molto il vecchio bicilindrico 499 raffreddato ad aria…. ma solo per il “sound”, le prestazioni sono di tutto rispetto e i consumi promettono bene! Secondo me sarà l’inizio di un nuovo modo di concepire il motore a benzina su auto di segmento A-B, sarà una rivoluzione tanto quanto il motore Fire, presentato ormai 25 anni fa e tutt’ora in produzione… gli auguro la stessa longevità, se la merita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*